Tutti i maggiori eventi del Capodanno a Mantova

vista nottura del centro di mantova

Nonostante il programma dettagliato del Capodanno 2019 a Mantova sia ancora in via di definizione, sappiamo già in linea generale come si svolgeranno i festeggiamenti in piazza in città.

Come ogni anno si terrà prima un concerto di un artista di rilievo nazionale o internazionale (l’anno scorso, ad esempio, si è esibito in piazza Max Gazzè) ed allo scoccare della mezzanotte tutti sul Lungolago ad ammirare i fuochi d’artificio! La serata proseguirà poi in piazza Erbe con la musica e dj set che continueranno fino alle prime luci dell’alba.

COSA VEDERE A MANTOVA

Se venite da fuori ed al Capodanno a Mantova volete accompagnare una visita in città, queste informazioni turistiche vi saranno d’aiuto.

Mantova, città della Lombardia capoluogo della provincia omonima, è situata sulla riva destra del Mincio, che qui si espande a formare una sorta di lago diviso da argini e dighe nei tre laghi Inferiore, Superiore e di Mezzo che la attorniano da tre lati.

Fondata probabilmente dagli Etruschi nel VI secolo, soggetta a varie dominazioni e in epoca medioevale libero comune, Mantova conobbe il suo massimo splendore durante la signoria dei Gonzaga che ne fecero una delle più sontuose corti d’Europa abbellendo la città di capolavori d’arte civile e religiosa.

Dal 2008, grazie al patrimonio artistico lasciato dai Gonzaga durante la loro lunga dominazione, Mantova è stata inserita nella lista dei patrimoni dell’umanità UNESCO.

PALAZZO DUCALE

Uno dei principali edifici storici della città è senza dubbio il palazzo ducale noto anche come reggia dei Gonzaga. Il palazzo ducale è in realtà un vero e proprio complesso architettonico che si estende per 34000 metri quadrati ( il più grande d’Europa dopo il Vaticano), costituito da vari edifici costruiti in epoche diverse a partire dal XIII secolo ad opera dei Bonacolsi prima e dei Gonzaga successivamente, collegati in forma organica, a partire dal 1556, per volere del duca Guglielmo.

Fanno parte del complesso:

  • la Corte Vecchia con il Palazzo del Capitano e la Magna Domus, il nucleo più antico, che ospita tra gli altri l’appartamento di Isabella d’Este;
  • il castello di San Giorgio, dimora della famiglia per diversi secoli, all’interno del quale il pittore Andrea Mantegna dipinse la sua opera più celebre: la camera Picta o Camera degli Sposi;
  • la Corte Nuova e la Basilica Palatina oltre ad un gran numero di cortili e giardini.

PALAZZO TE

Un altro capolavoro dell’arte rinascimentale è il palazzo Te fatto edificare dal marchese Federico II nel 1525 per trascorrervi ore di svago e come dimora di Isabella Boschetti sua amante ufficiale. La sua costruzione fu affidata a Giulio Romano, allievo di Raffaello, architetto e pittore al quale si devono anche molti degli affreschi che decorano le numerose sale del palazzo, tra cui la celeberrima Sala dei Giganti, quella di Amore e Psiche e quella dei Cavalli ispirata alle scuderie dei Gonzaga famose in tutta Europa.

TEATRO BIBBIENA

Una vera perla di epoca più recente è invece il settecentesco teatro Bibbiena o “ Teatro Scientifico dell’Accademia” inaugurato il 3 dicembre del 1769 il quale, poche settimane dopo, ospitò un concerto del giovanissimo Mozart. La facciata neoclassica cela un interno tardo barocco finemente decorato con una platea dall’originalissima forma a campana, una scena fissa e quattro ordini di palchi divisi da colonne e nicchie.

ALTRI MONUMENTI

Altri splendidi esempi di architettura civile medioevale sono il Palazzo del Broletto e della Ragione del XIII secolo mentre tra gli edifici religiosi più importanti ricordiamo la chiesa di San Lorenzo, romanica, a pianta rotonda, il duomo curato da Giulio Romano e le chiese di San Sebastiano e Sant’Andrea progettate dall’Alberti.

Per conoscere gli altri eventi di Capodanno in programma in Lombardia cliccate qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.